• blog

Grandi bianchi piemontesi, il Timorasso ora è giovane

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Piemonte e vini, grandi rossi ovviamente, ma anche grandi bianchi. La regione ne produce di alta qualità e alcuni possono essere invecchiati come i rossi tradizionali.  Come nel caso del Timorasso, storico vitigno dei Colli Tortonesi dal quale si ottiene l’omonimo vino, un grande bianco del livello di famosi bianchi internazionali. Adatto all’invecchiamento, strutturato e dai profumi di minerali e idrocarburi, lo si può abbinare senza esitazione anche alla punta di diamante della cucina piemontese, il tartufo bianco.

La Cantina di Tortona, fondata nel 1931 (spegnerà 90 candeline quest’anno), ha lanciato il Piccolo Derthona, un nuovo Timorasso giovane, che unisce alle note minerali e di idrocarburi tipiche di questo vitigno, un profumo di agrumi e frutti tropicali. Il risultato e’ un bianco lungo e persistente, con gran corpo, ma molto fresco.

Il Piccolo Derthona, che porta il nome latino della città di Tortona, è un vino leggero rispetto ai suoi fratelli più invecchiati, pur rimanendo figlio di un nobile vitigno quale è il Timorasso, ottimo in svariate occasioni. Può essere un’interessante opzione per un bell’aperitivo con amici, o anche per un pranzo, o semplicemente per un momento di relax una sera d’estate.

Dalle Cantine Tortona spiegano che: “al palato è decisamente pieno, avvolgente, equilibrato e la sua freschezza è lunga e piacevole. Conserva tutta l’importanza del Timorasso unita ad ampie note di gentilezza e semplicità”.

 

Il segreto del “Piccolo Derthona” sta nella produzione. Le uve (Timorasso 100%, tengono a precisare dalle Cantine) vengono raccolte a mano nella seconda meta’ di settembre e vengono fatte criomacerare per 6 ore in atmosfera inerte. La fermentazione avviene a temperatura controllata e viene poi fatto affinare per 6 mesi su fecce fini costantemente risospese.

Il risultato è un vino bianco dal colore paglierino carico. Il profumo è fruttato e minerale, e i suoi chiari profumi di albicocca e ananas si abbinano al tradizionale profumo di pietra focaia del Timorasso. Il gusto è pieno ed avvolgente, pur restando equilibrato e molto fresco. In bocca, il “Piccolo Derthona” è un vino intenso, di corpo, dotato di un buon tenore alcolico e spiccata sapidità.

Il Timorasso, vitigno storico della provincia di Alessandria, ad oggi viene prodotto sui colli di Tortona nel basso Piemonte. La sua denominazione è Colli Tortonesi Timorasso Doc.

La Cantina di Tortona, che conta circa 180 soci operativi su 280 ettari, produce oltre 400 mila bottiglie all’anno. Sono specialisti di Timorasso, e degli altri grandi vini della regione: Barbera, Cortese, Dolcetto, Bonarda, Croatina, Favorita, Chardonnay, Cellerina ed altri ancora.

Sul sito della Cantina si possono ordinare bottiglie di Piccolo Derthona nella collezione “Torre”, ispirata dal Forte di San Vittorio a Tortona, il castello settecentesco dell’architetto sabaudo Lorenzo Bernardino Pinto, poi in parte demolito da Napoleone.

Per chi volesse provare il Timorasso classico invecchiato, la collezione “Fiumana”, con bellissime etichette ispirate agli operai e contadini scioperanti di fine ‘800 ritratti da Giuseppe Pellizza da Volpedo, offre il “Derthona”: https://www.cantinaditortona.it/selezione-fiumana/

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Altri Post di Menu à Porter