• blog

Il Rinascimento (ri)parte da Fontanafredda

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Rinascimento. In italiano indica una nuova nascita, un periodo di generale rinnovamento. Ma, storicamente, il Rinascimento è anche quel periodo che in Italia va dalla fine del Medioevo all’inizio dell’Età Moderna e che inaugura un modo del tutto inedito di concepire il ruolo dell’essere umano nel mondo. 

A Serralunga d’Alba, la cantina Fontanafredda sta ormai da anni facendosi interprete di un Rinascimento Verde, che mette la terra al centro con il rispetto che deriva dalla consapevolezza di trovarsi davanti a un bene prezioso di cui è necessario prendersi cura.

BAROLO SERRALUNGA D’ALBA RENEISSANCE 2018

Ogni movimento – la storia ce lo insegna – ha bisogno di un simbolo, una guida intorno alla quale raccogliersi per meglio interpretare le necessità del presente e dare loro una risposta. Per questo, a 30 anni dalla sua nascita, il vino più iconico della casa fondata dal primo re d’Italia nel 1858 cambia e diventa Barolo Serralunga d’Alba Reneissance 2018. È il primo di una collezione che, ogni anno per 10 anni, celebrerà i 10 sentimenti che nella storia della nostra civiltà hanno dato origine alle rinascite collettive, a partire dalla Speranza. 

La Tenuta Fontanafredda, con i suoi 120 ettari di vigneti certificati a biologico che fanno da cornice al primo Villaggio Narrante d’Italia, si fa così interprete di una ripartenza che prima di tutto è umana, affidandone la guida a un vino potente, elegante, simbolo di un territorio dal profondo valore naturale, cultura e artistico. 

L’ARTE DEL RINASCIMENTO A FONTANAFREDDA

E saranno proprio gli artisti i coprotagonisti del nuovo corso, con grandi scrittori e illustratori italiani che racconteranno i valori e i sentimenti che hanno permesso all’umanità di vivere le più grandi rinascite collettive. A cominciare sono Marco Missiroli, pluripremiato scrittore contemporaneo, ed Elisa Talentino, giovane illustratrice e pittrice piemontese riconosciuta a livello internazionale. Il primo ha deciso di celebrare la Rinascita con una monografia dal titolo: 12, gli umani potrebbero chiamarla Speranza, mentre la seconda ha scelto di rappresentare la speranza attraverso la libertà di una Cocorita Blu che compare sull’etichetta del nuovo Barolo Serralunga d’Alba Reneissance 2018. 

Fontanafredda affronta il futuro con questa nuova prospettiva, che pone la Terra al centro di ogni pensiero e scelta quotidiana, affidando all’umanità il compito di tutelarla e di conservarla. Un nuovo umanesimo, insomma, il cui motore è il Rispetto per il mondo e per tutti i suoi abitanti.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Altri Post di Menu à Porter